Categorie
Uncategorized

FINESTRA DI JOHARI. UNA PROPOSTA

22 Gennaio 2020

Pubblicato su https://www.glistatigenerali.com/costumi-sociali_religione/finestra-di-johari-una-proposta/

Il celeberrimo schema detto “Finestra di Johari” ideato dagli psicologi americani Joseph Luft e Harry Ingham nel 1955 (le iniziali dei cui nomi combinate hanno dato nome allo schema) è uno strumento utilizzato per lavorare sulle dinamiche interpersonali e di gruppo.

Lo schema è rappresentato da quattro quadranti e che vengono letti da due punti di osservazione diversi, il primo inerente alla conoscenza posseduta dal soggetto (o dal gruppo), il secondo relativo alla percezione esterna che viene recepita del soggetto (o del gruppo).

I passaggi tra i quadranti permettono di lavorare sulle dinamiche della comunicazione.

Un quadrante detto dell’“Arena” è quello legato alla manifestazione pubblica di ciò che un soggetto è (o mostra). In pratica una conoscenza propria del soggetto (o del gruppo) e condivisa all’esterno.

Il quadrante opposto è quello dell’“Area Sconosciuta”, ignota o “inconscia” dove sia il soggetto (singolo o gruppo che sia) non ha conoscenza di alcune sue caratteristiche (in psicologia parliamo di “inconscio”) e in ugual modo la “non conoscenza” dello stesso è condivisa dall’osservatore esterno.

I due quadri intermedi si caratterizzano per un alternarsi delle variabili.

In uno, quello dell’”Area segreta” (o “privata” o “nascosta”) anche detto “Facciata” il soggetto possiede una conoscenza di sé che non condivide con l’osservatore esterno.

Completa lo schema l’area “cieca”, quella in cui l’osservatore esterno ha una conoscenza del soggetto (singolo o gruppo che sia) senza che lo stesso la condivida. In pratica, il soggetto è come “cieco”, impossibilitato ad avere una conoscenza di sé (come avviene invece nei quadranti “Arena” e “Facciata”).

L’asse orizzontale indica il grado di conoscenza che il soggetto/il gruppo ha di sé stesso; l’asse verticale indica la conoscenza che hanno gli osservatori esterni del soggetto/del gruppo.

Mi sono sempre interessato dell’applicazione di questo schema per vari studi.

In maniera impropria, data la peculiarità dello strumento, proverò a sfruttarne l’uso per dare una sintesi schematica della situazione del clero della Chiesa Cattolica di rito latino.

L’occasione mi viene proprio dalle ultime prese di posizione a favore del celibato da parte del cardinal Sarah che ha pubblicizzato un libro che dice di aver realizzato con il Papa emerito Benedetto XVI, il quale si è invece affrettato a smentire la notizia sul suo consenso all’operazione (1).

Ricordando che sull’argomento ci sono molti interventi ed una discreta bibliografia, io stesso mi sono espresso a riguardo anche su questo canale (2), mi limito qui ad uno schema sintetico, che possa dare un quadro della questione, utilizzando la “Finestra di Johari”.

Ho preso in considerazione due variabili: il celibato e la castità.

Naturalmente le due realtà sono collegate ma non equivalenti.

Per celibato “ecclesiastico” si intende l’impegno assunto dal clero a rinunciare al matrimonio nell’ambito delle promesse sottoscritte prima dell’ordinazione diaconale (3).

La “castità” è invece una virtù che viene richiesta anche agli stessi sposi cristiani. In questo caso non si chiede l’astensione dai rapporti ma un certo modo di vivere tutta l’esperienza relazionale di coppia, nei vari aspetti affettivi, sessuali, generativi (4).

I preti “secolari”, quelli legati all’obbedienza ad un Vescovo e incardinati in una diocesi, fanno “promessa di celibato” ma non “voto di castità”; tale voto è invece professato dai religiosi e dai consacrati di ogni ordine e carisma: suore, monache, frati, missionari, monaci, sacerdoti cosiddetti “regolari”perchè legati all’osservanza di una “regola” che fa capo al loro fondatore e segue un carisma particolare (Francescani, Domenicani, Benedettini…). Questo non significa che i preti secolari non debbano vivere una qualche forma di “castità”, pur non avendone assunto un voto. Ricordando che secondo gli insegnamenti della Chiesa Cattolica ogni rapporto fuori del matrimonio è considerato illecito (un peccato “da confessare”) naturalmente ciò si ritiene valga anche per una relazione affettiva che sia di coppia ma non arrivi ad un matrimonio (una convivenza di fatto); è evidente che ai consacrati viene negato dunque quello che già viene negato ai laici (rapporti fuori del matrimonio, convivenza) con la differenza che un prete, un frate, una suora, per sanare una relazione affettiva “fuori del matrimonio” dovrebbe sposarsi, rinunciando al ministero.

Nel quadrante dell’Arena ho dunque rappresentato le due variabili nella loro proposta “pubblica”: i preti qui sono SIA CELIBI CHE CASTI, esattamente come li vuole la Chiesa, li vede la gente e come si propongono e si sforzano di vivere loro stessi.

Nel quadrante opposto troviamo la variabile “NON CELIBI E NON CASTI”. Si tratta di preti che hanno deciso di rompere la loro promessa celibataria per sposarsi (risultando secondo le norme sospesi dall’esercizio del ministero) ma non vivono la castità loro propria, vivendo in maniera deviata l’esercizio della loro sessualità.

Questi due quadranti opposti nascondono la realtà delle cose: il mondo non si divide in “bianchi” e “ neri”, in “buoni” e “cattivi”, come l’informazione mediatica vorrebbe spesso proporre.

Infatti, passare dalla visione ideale del prete “celibe e casto” dedito alla sua missione (figure esistenti, certo; ma non da idealizzare) a quella del prete non solo “traditore” della sua missione ma anche fonte di scandali (quadro descritto da Paolo VI nella Sacerdotalis Coelibatus come analizzo) (5) è un passaggio che non solo potrebbe far sorridere gli osservatori più attenti ma che probabilmente non corrisponde alla realtà nel suo complesso.

Per tal motivo i due quadri intermedi appaiono essere più vicini alla realtà stessa.

In uno, che corrisponde impropriamente all’area “Cieca” di Johari (quella in cui il protagonista non si coglie nella sua realtà ma viene colto dall’osservatore esterno) ritroviamo i preti NON CELIBI MA CASTI. Sono quei preti che hanno rinunciato alla promessa del celibato per sposarsi e mettere su famiglia (venendo sospesi dall’esercizio del ministero ma rimanendo, secondo il Codice di diritto Canonico, can. 290, comunque validamente ordinati; per tal motivo i sacramenti eventualmenti celebrati da essi – confessioni e messe – sono considerati validi ma amministrati in maniera illecita, ad eccezione di quanto dispone il can. 977 CJC). Essi vivono dunque la dimensione, come accennato, propria anche dei laici, quella della “castità matrimoniale” (non “astensione”, lo ripetiamo, ma giusta costruzione della relazione al di fuori di qualsiasi “perversione” e tradimento extramatrimoniale).

Nell’ultimo quadrante, quello dell’area di “Facciata”, “occulta”, “segreta”, “privata”, troviamo i preti CELIBI MA NON CASTI. In quest’area il soggetto conosce sé stesso ma tali aspetti non vengono condivisi e manifestati all’esterno. “Mancanza di castità” vuol dire naturalmente tutta una serie di cose, in un ventaglio davvero ampio. Dal “segreto”al “nascondimento” di una “relazione affettiva” che non può essere resa pubblica, alla vita smarrita dietro promiscuità e dissolutezze, fino all’attaccamento a realtà che negano il senso stesso della missione assunta: la brama di potere, il carrierismo, il clericalismo, la vanagloria, il narcisismo, la prevaricazione sugli altri, la simonia e l’accumulo di denaro e di beni materiali. Celibi sì. Ma casti no.

Naturalmente è chiaro che la mia applicazione dello “Schema di Johari” è impropria, in quanto questo nasce e viene usato in dinamiche legate alla comunicazione; il mio schema invece presenta due soggetti diversi: quelli dei preti rimasti celibi e quelli dei preti che hanno deciso di rinunciare al celibato, con un doppio sviluppo dinamico in cui assegno a ciascuna delle due categorie due quadri dello schema. Pur con una forzatura, spero la mai proposta possa essere letta in maniera scorrevole.

Concludo ricordando che chi propone una rivisitazione della norma che rende obbligatorio il celibato ecclesiastico fra il clero cattolico di rito latino non sta chiedendo l’abolizione del celibato stesso (come erroneamente qualcuno intende) ma solo l’abolizione della sua obbligatorietà, lasciando dunque la libertà ai protagonisti – sotto il discernimento e l’accompagnamento della Chiesa – di poter essere dispensati dall’obbligo accedendo ad un matrimonio senza essere al contempo sospesi dall’esercizio del ministero.

Mi sembra particolarmente interessante il servizio giornalistico andato in onda su Rai Tre nel format “Presa diretta” il 13.01.2020 intitolato “Attacco al Papa”(6 ) e dunque qui ho il piacere di segnalarvelo.

(1) http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2020/01/14/celibato-dei-preti-e-giallo-in-vaticano_e8c1ca9e-8c5d-4790-ae84-cb8315a4c840.html
(2) https://www.glistatigenerali.com/religione_teologia/papa-francesco-e-la-conferma-della-norma-del-celibato-obbligatorio/
(3) http://www.vatican.va/content/paul-vi/it/encyclicals/documents/hf_p-vi_enc_24061967_sacerdotalis.html

https://www.vaticannews.va/it/chiesa/news/2020-01/celibato-sacerdotale-secondo-concilio-dono-non-dogma.html
(4) http://www.vatican.va/archive/catechism_it/p3s2c2a6_it.htm
(5) http://www.vocatio2008.it/ULTIMENOTIZIE/2019_05_26_7%20Relazione%20Manfridi%20Convegno%20Vocatio%2026.05.2019.pdf
(6) https://www.raiplay.it/video/2020/01/Presa-diretta—Attacco-al-Papa-4026c0ba-4c4d-46b3-a457-026f87cc0983.html

https://pietrevive.blogspot.com/2020/01/attacco-al-papa-presa-diretta-di.html?m=1&fbclid=IwAR37H_DSApP01u4EUz8Wjiv_y5KaTHZEtH8dL9m71nCHT-PA7a

Categorie
Uncategorized

PERCHÈ GESÙ BAMBINO PUÒ DARE UNA SPERANZA A CREDENTI E NON CREDENTI

22 Dicembre 2019

Pubblicato su https://www.glistatigenerali.com/famiglia_religione/perche-gesu-bambino-puo-dare-una-speranza-a-credenti-e-non-credenti/

Natale è uno degli appuntamenti più sentiti dalle società occidentali.
Non solo il motore commerciale, quello delle compere, dei regali, dei pranzi e delle cene, dei viaggi e dei soggiorni, dei mercatini, delle manifestazioni.
Le luci, gli addobbi, i festoni, contribuiscono ad apprestare le località più amene e le location più caratteristiche, arrivano a suscitare una vera e propria “gara” che coinvolge tutti, dalle autorità comunali ai negozi, dalle strade agli edifici pubblici, fino ad ogni sito domestico e privato, colorando ed accendendo muri, balconi, finestre e cornicioni.
In ogni casa e in ogni ambiente, pubblico e privato, non mancano, insieme alle luci, almeno i simboli del presepio o dell’albero natalizio.
Questa atmosfera, questa magia, coinvolge la nostra società, i nostri ambienti, le nostre famiglie.
Tutti sappiamo che la fonte di queste manifestazioni e di queste celebrazioni sta in un evento che caratterizza il messaggio legato ad una delle religioni che ha fatto la storia del globo negli ultimi due millenni, quella del Cristianesimo, con la natività del suo ispiratore, Gesù, detto “Il Cristo” (“l’unto del Signore”).
Per i cristiani il Natale è la celebrazione di un evento senza pari: un Dio che “si fa uomo”, decidendo di nascere, di incarnarsi, di “prendere carne” da una giovane fanciulla ebrea che viveva in Palestina.
Per chi non crede questo può essere un mito, una bella favola, o comunque il racconto, teologizzato, della venuta al mondo di un uomo realmente esistito che ha segnato il pensiero e i destini di innumerevoli persone a lui ispiratesi nel corso dei secoli successivi.
Degno di nota è ricordare che il calendario più diffuso sulla faccia della Terra è quello che conta il tempo cronologico separandolo con un ante Christum natum / post Christum natum.

Senza riprendere triti discorsi sul fatto che tanti festeggino senza ricordare il festeggiato, la mia riflessione vorrebbe porre una domanda: può la vicenda di questo bambino dire qualcosa non solo ai credenti ma anche a coloro che non credono? E se sì, in che maniera?
Io partirei da una considerazione: non esiste nella storia di ogni essere umano, di ogni famiglia, di ogni organizzazione sociale e di ogni Civiltà, un momento più significativo quale quello della propagazione della vita e della celebrazione per l’evento di una nuova nascita.
Ovunque, la nascita di un bambino costituisce un motivo di gioia, di rinnovata speranza, di determinazione di senso legata alla possibilità di un futuro attraverso la propagazione della vita.
Al tempo stesso, nell’era della globalizzazione, della società liquida (1), della informazione digitale, sono sotto gli occhi di tutti e del mondo intero – nonostante gli impedimenti legati a volte ad informazioni canalizzate in maniera distorta secondo le leggi dettate dai poteri occulti di sempre – le vicende e le situazioni che ci presentano il dramma dell’infanzia negata in giro per il mondo: dalla pedopornografia alla pedofilia, dallo sfruttamento della prostituzione minorile al commercio e al turismo sessuale dedicato, dal lavoro minorile nelle fabbriche, nelle miniere ed in ogni settore lavorativo possibile ed immaginabile alla dispersione scolastica, dal mancato accesso all’istruzione alle discriminazioni verso il mondo femminile fin dalla tenera età, dalle mutilazioni etniche ai matrimoni dei bambini, per arrivare ad ogni genere di violenze, ambientali e domestiche, fisiche e psicologiche, fino alle storie di negazione più totalizzante dell’infanzia e dell’umanità stessa, quella dei bambini soldato (2), drogati e spediti in prima linea nei villaggi a commettere eccidi e mattanze delle popolazioni civili.
Queste terribili immagini e storie dell’infanzia negata, destando sentimenti di impotenza, di rabbia e di sdegno, suscitando in noi la richiesta per un impegno civile personale e collettivo a favore di ognuna di queste vittime e contro tutte le cause che ne provocano lo sfruttamento e l’abuso, nell’impegno per l’individuazione, la denuncia e il perseguimento dei colpevoli, ci ricordano infine che una società che non difende i suoi bambini non difende se stessa e non si garantisce alcun futuro.
Non scordiamo anche tutti i bambini vittime delle guerre, della fame, delle carestie, delle malattie non curate (maggiori rispetto a quelle incurabili), delle migrazioni come profughi e quelli a cui è negata la nascita stessa, per mille motivi.
Questi quadri ci consegnano drammi che vanno di pari passo con la storia dell’umanità ma che oggi sono, in qualche modo, sotto gli occhi di tutti coloro che non vogliano “voltarsi dall’altra parte”.

Quanto grande è lo sgomento per la considerazione dei drammi legati all’infanzia negata tanto maggiore è il sentimento che vede nelle venuta di un neonato un motivo di speranza che superi le angosce per le tante minacce portate all’infanzia stessa.
Per questo, la storia di un bambino ebreo nato duemila anni fa in Palestina in una situazione precaria, “al freddo e al gelo” (3), come uno che non avrebbe avuto diritto ad un alloggio degno di questo nome, da genitori che stavano vivendo una vicenda che li superava (e quale gravidanza non “sconvolge” la vita di qualsiasi coppia sulla Terra?) e che si caratterizza come un motivo di speranza, di luce, di mantenimento delle promesse, ha da dire qualche cosa, da dare un senso, in primo luogo alle nascite e alle esistenze di tutti quei bambini che, oggi, possono venire al mondo in situazioni di precarietà, di mancanza, di minaccia che gravano su di loro.
E, insieme con il senso proprio della vita di ogni bambino, per la dignità e la grandezza che questa, ogni vita, porta in sé, questa luce, questo senso, questo adempimento delle promesse, delle speranze, delle attese, passa dal dono della venuta di un nuovo nato a pervadere le vite e le esistenze di tutti coloro che ne accolgono l’arrivo.
Un credente deve scoprire questo: non solo la preghiera al Christus patiens, all’Uomo della Croce, al Gesù Messia adulto e taumaturgo. L’uomo di fede deve scoprire la preghiera, la devozione, la spiritualità del culto a Gesù come Bambino, quella stessa che fu mirabilmente testimoniata dalla sequela sulla via della infanzia spirituale da Teresa di Lisieux (4).
Quello stesso Gesù che, ancora una volta in questi giorni, è protagonista della festa del Natale vissuta in ogni dove.
Anche chi non crede (in Dio), fissando il suo sguardo negli occhi di un Gesù Bambino che ci guarda da un presepe domestico, da una mangiatoia allestita da qualche parte o da un’immagine che ci raggiunge dal web, può ritrovare il senso più profondo e il messaggio più autentico che ci è dato in questi giorni di festa: quello della speranza, della gioia, della certezza per la realizzazione di un modo migliore perché, fin quando ci sarà un bambino, ci sarà una luce che ci illumina.

Alessandro Manfridi

(1) Z. BAUMAN, Modernità liquida, trad. di Sergio Minucci, Editori Laterza, Roma -Bari, 2011.

(2) I. BEAH, Memorie di un soldato bambino, Neri Pozza Editore, Vicenza 2014.

(3) https://www.avvenire.it/chiesa/pagine/e-natale-tu-scendi-dalle-stelle

(4) TERESA DI GESÙ BAMBINO, Storia di un’anima, Editrice Shalom, Ancona 2001.

Categorie
Uncategorized

PAPA FRANCESCO E LA CONFERMA DELLA NORMA DEL CELIBATO OBBLIGATORIO

13 Novembre 2019

Pubblicato in https://www.glistatigenerali.com/religione_teologia/papa-francesco-e-la-conferma-della-norma-del-celibato-obbligatorio/

Sono passate solo alcune settimane dalla chiusura dei lavori dell’ultimo Sinodo della Chiesa Cattolica: «Amazzonia: nuovi cammini per la Chiesa e per una ecologia integrale» e sembra che per molti – media, agenzie, pronunciamenti di personaggi vari e di alti prelati – il punto centrale dei lavori sia stato quello della discussione sui «viri probati».
L’assemblea sinodale si è espressa favorevolmente ed ora l’ultima e definitiva parola è attesa dal documento post-sinodale che nei prossimi mesi vedrà la luce per mano del Vescovo di Roma.
Ed ecco alternarsi interviste, prese di posizione, fautori della proposta e voci critiche e preoccupate davanti alla probabile sua realizzazione.

Poniamoci qualche domanda.

Il Papa dovrebbe in questo momento abolire la legge del celibato obbligatorio che regola come norma la disciplina del clero cattolico di rito latino ormai da quasi un millennio?
Per chi il Papa dovrebbe portare una variazione così importante e per certi aspetti poco unanime?

Chi chiede al Papa l’abolizione del celibato?
Chi non la chiede?

Sicuramente le risposte a questi quesiti sono molteplici.

L’abolizione del celibato viene richiesta da più parti:

• da una parte della società civile che vede nel clero uxorato una categoria di persone aperte a scelte umane di coniugalità e genitorialità; scelte che permetterebbero ai preti di essere un po’ meno «separati» e un po’ più «allineati» con le altre componenti del «popolo di Dio»;

• da coloro che individuano nella norma una delle cause del crollo delle vocazioni;

• dalle donne che amano un prete od un vescovo e ritengono di essere ricambiate;

• dai figli nascosti di preti e di vescovi;

• dai preti uxorati, da quei preti cioè che, ricevuta la dispensa o meno, hanno già deciso di convolare a nozze.

Ma ai veri «protagonisti», ai preti celibi, interessa  questa abolizione?

Da parte dei preti celibi pare non vengano richieste esplicite; forse da alcuni ma non dalla maggior parte del clero. Perché? Probabilmente ritengono che le cose vadano bene così?

Queste domande rimangono senza risposta certa.

Perché dunque Papa Francesco dovrebbe eliminare una norma che la maggior parte dei sacerdoti, vescovi, cardinali, religiosi e religiose non gli chiede di modificare?

Tra l’altro, a coloro che chiedono l’abolizione del celibato le risposte del diniego sono molteplici:

• a quella parte della società civile favorevole a una simile riforma viene fatto presente che, se i preti sono per definizione teologica presi dal popolo e separati da esso per il bene e a servizio dello stesso (PO 3), la rinuncia che essi compiono a vivere le esperienze della coniugalità e della genitorialità è una scelta formulata a suo tempo, quello della formazione, liberamente sottoscritta e certamente richiesta per precise motivazioni: quella della dedizione totalizzante alla missione evangelica;

• a chi invoca la possibile soluzione al calo delle vocazioni, basta sottoporre le statistiche che dicono che tale crisi riguarda, in maniera trasversale, anche Chiese delle altre comunità cristiane non cattoliche storicamente fornite di clero uxorato;

• alle donne che amano un prete o un vescovo e che spesso vivono la sofferenza di queste relazioni nel nascondimento anche per anni si risponde che l’abolizione della norma non sarebbe poi così risolutiva della loro situazione. A tal proposito vengono formulati questi quesiti: queste donne sono veramente certe che chi è accanto a loro le ami e non trascini la relazione prendendole in giro? Sono certe che questo sentimento sia realmente ricambiato o forse potrebbe essere una loro illusione? Sono certe che, una volta eliminata la norma, colui che loro amano non potrebbe decidere comunque di porre fine alla relazione? Ma soprattutto, se il sentimento di lui è sincero, profondo e vero, perché non ha già deciso di lasciare il ministero per unirsi alla sua amata? In altre parole: queste donne sono certe che il vero motivo per cui vivono una relazione nascosta sia quella dell’obbligo del celibato, per il quale il sacerdote si dice impedito a sposarle per non rinunciare al ministero?

• Per quanto concerne i figli nascosti di preti e di vescovi, si prende atto che se un uomo, sacerdote o laico che sia, mette al mondo un figlio, dovrebbe assumersi la responsabilità civile e morale della paternità con tutto ciò che questo comporta. Tale responsabilità non prevede però necessariamente che quest’uomo sia obbligato ad unirsi in un vincolo coniugale, nel caso in cui egli non riconosca un legame affettivo con la madre del minore. Quindi la risposta che viene data a chi chiede l’abolizione del celibato obbligatorio mette in risalto l’assenza di correlazione tra l’obbligo del celibato e il dovere di genitorialità. Raccontando la testimonianza di Vincent Doyle, figlio di un prete e fondatore di Copyng International (http://www.copinginternational.com/) e le ammissioni del portavoce vaticano Alessandro Gisotti,  il New York Times sostiene l’esistenza di linee guida che fanno parte di un “documento riservato” interno al Vaticano che richiederebbero al ministro che abbia concepito un figlio di assumersene la paternità e di lasciare il ministero (https://www.nytimes.com/2019/02/18/world/europe/priests-children-vatican-rules-celibacy.html). É chiaro che, pur distinguendo la legge del celibato obbligatorio dalla responsabilità genitoriale, è utile chiedersi se l’invito a lasciare il ministero risulti un vantaggio reale per il bene del figlio; le attuali linee guida potrebbero non aiutare un ministro ad arrivare al riconoscimento in quanto questo sfocerebbe simultaneamente in un suo stato immediato di precarietà reddituale con tutte le problematiche che ne potrebbero derivare, inclusi i doveri genitoriali di mantenimento verso i figli minori.

• Infine ci sono le risposte che si danno ai preti che hanno già fatto la scelta di sposarsi, con dispensa o meno, che vengono comunemente detti «preti uxorati» i quali, anche se sono sospesi dal ministero a norma del CJC, Can. 1333, rimangono sempre tali nel Sacramento. Le risposte/domande che si danno a questi sono le seguenti: perché il Papa dovrebbe rispondere alle loro richieste e a quelle di alcune decine di Associazioni che li rappresentano in parte nel mondo, di abolire il celibato obbligatorio? Perché essi possano tornare a «dir messa»? E una tale «pretesa» non potrebbe essere figlia di quella stessa mentalità inficiata dal «clericalismo» più volte denunciato (cfr. Francesco, Lettera al popolo di Dio, 20.08.2018), desiderio che rimarrebbe nell’imprinting degli stessi preti uxorati, non sazi di amore coniugale e familiare, ma desiderosi di continuare ad esercitare il ministero e nostalgici di un ruolo che faceva di loro un «Alter Christus» fino al momento della scelta profusa? Il Papa ha già dato una risposta, amara, netta, dolorosa: «Facciano i bravi laici!» (22.05.2017 risposta data all’Assemblea della CEI alla domanda di mons. Meloni). Sono sempre preti, si, ma ora si preoccupino di vivere il loro ministero nella famiglia, nella società civile, nel mondo «laicale».

Torniamo ai preti celibi: gli unici a non chiedere l’abolizione del celibato. Perché?

Convenienza, interessi, carrierismo, malcelata omosessualità, paura ad esporsi? Vocazione, dedizione, eroismo, sacrificio, dono?
Ognuno conosce le sue motivazioni. Di sicuro il fatto di non chiedere l’abolizione è già una presa di posizione.

Il Papa, con questo Sinodo, ha voluto dare voce ai bisogni della Chiesa Cattolica che è in Amazzonia, chiedendo un ascolto sulla situazione di questa realtà. Se per altre questioni  Papa Francesco ha dato indicazioni demandando discernimento sulle situazioni locali agli Episcopati Nazionali,  si osserverà   tale linea anche per questi argomenti?

In Amazzonia i preti non ci sono e quindi la proposta avanzata è che siano ordinati laici diaconi di provata fede all’interno delle comunità. E se questa assenza di clero è presente in altro luoghi, vedremo se anche qui si darà voce alle Chiese locali.

In Italia il clero italiano e la CEI chiedono preti uxorati? No. Dunque non ha senso che ci siano.

La conclusione a cui si giunge dopo questa lunga disamina è che anche se l’obbligo del celibato è una legge e non un dogma, quindi come tale può essere mutata, non si scorge una urgenza effettiva di abolire tale legge per quel che riguarda il clero della Chiesa Cattolica di rito latino.

Ad un prete e ad un vescovo che decidono di voler contrarre un vincolo matrimoniale, rinunciando dunque al loro ministero, sarebbe necessario garantire una continuità lavorativa retribuita in modo da evitare che la precarietà della condizione economica in cui verrebbero a trovarsi una volta sospesi, possa trasformarsi in motivazione che induce a preferire una non- scelta che, protraendo nel tempo nascondimenti e legami affettivi importanti, finisce con il generare inevitabili situazioni dolorose per se stessi e anche per la comunità ecclesiale.

E se è vero che l’abolizione della legge sul celibato non è una priorità nell’agenda della Chiesa di rito latino, al tempo stesso è vero che non si può più ignorare l’urgenza di gestire queste condizioni all’interno della Chiesa Universale e non può essere più ignorata la responsabilità di voler trovare soluzioni adeguate non solo al clero ma anche ai consacrati e alle consacrate, che vivono simili dinamiche e sofferenze.

Se la Verità rende liberi (Gv 8, 32) è proprio la Verità che sta dietro ogni vita, in special modo se si tratta di clero e consacrati, che deve guidare oggi le scelte della Chiesa e del Vescovo di Roma.

Alessandro Manfridi

Categorie
Uncategorized

HO UDITO IL GRIDO

Pubblicato su https://www.vinonuovo.it/attualita/societa/ho-udito-il-grido/

Il messaggio che passa nell’episodio della teofania vissuta da Mosè credo sia tutta in quella motivazione drammatica che guida Colui che gli parla.

Il silenzio di Dio[1], registrato ed assunto dai protagonisti della Shoah come tremendamente assordante, corrisponde, a ben vedere, ad uno sbaglio di prospettiva.

Nella cosiddetta Storia della Salvezza, i testi biblici ci raccontano come il Dio d’Israele si sia sempre voluto servire di alcuni uomini e di alcune donne per realizzare i suoi progetti.

D’altronde, lo stesso Gesù di Nazareth, avrebbe invitato i suoi seguaci ad invocare e farsi guidare dal lume dello Spirito Santo non solo per costruirsi un lasciapassare per l’aldilà: piuttosto, per costruire un mondo in cui misericordia, giustizia e pace diventino gli elementi imprescindibili su cui ricostruire le relazioni umane, alla luce del desiderio e del disegno di Dio.

Dunque, quel “dio tappabuchi” rifiutato da Bonhoeffer[2], a ben vedere non appartiene non solo al messaggio evangelico, ma anche alla più grandiosa storia di liberazione che la Bibbia ci racconta. Dunque, all’origine dell’Esodo dall’Egitto non ci sono le dieci piaghe e il passaggio del Mar Rosso.

La liberazione è possibile solo grazie a due elementi: il primo è quello legato all’udito di Dio. Dio ascolta il grido del sangue di Abele che dalla terra sale a lui. Dio ascolta notte e giorno il grido delle genti oppresse che sale a lui. Ma la sua pedagogia, culminata nel messaggio evangelico, non è più semplicemente quella di risolvere da solo, con eventi distruttivi e apocalittici (diluvio, distruzione di Sodoma e Gomorra) in maniera radicale il male che l’umanità realizza sulla Terra. Egli decide di uscire di scena. Per lasciare la scena agli uomini. Ecco perché non c’è liberazione senza il secondo elemento: il grido udito da Dio può trovare risposta solo grazie ad un uomo o ad una donna che lo raccolgano.

Abbiamo appena finito di celebrare, come ogni anno, il ricordo degli orrori della Shoah.

Se vogliamo raccogliere l’appello di coloro che l’hanno vissuta come protagonisti, dobbiamo fare nostro il grido che non solo la storia ma anche la cronaca ci consegna.

Come mai, mentre un nemico di nome COVID SARS si prende le scene sul palcoscenico mondiale, le nostre coscienze vengono anestetizzate e i mezzi d’informazione tacciono in maniera, questa qui, per usare il paradosso linguistico, assordante, su drammi che si consumano a pochi passi da casa nostra?

Parliamo della situazione disumana vissuta dai profughi afghani, irakeni e siriani, presenti in questi mesi sulla via dei Balcani e, secondo le testimonianze raccolte da diverse organizzazioni, Unhcr, Oim, Oxfam, Human Rights Watch, Save the Children, Amnesty International maltrattati dalle polizie sulle frontiere di Bulgaria, Ungheria, Serbia, Croazia, Bosnia e Slovenia. Queste persone, tra le quali molti minori non accompagnati, non accolte e costrette, senza alcun riconoscimento né assistenza sanitaria, a trovare rifugio in case diroccate nel gelido inverno innevato balcanico, con temperature che arrivano anche a venti gradi sottozero, stanno vivendo un dramma nel dramma: prima la fuga dai loro  paesi d’origine, ora la non accoglienza e le violenze di ogni genere da parte delle polizie di frontiera (maltrattamenti, sevizie, torture) e, cosa ancor più paurosa, dimenticati dalle nazioni della civile Europa, tra le quali la nostra Italia[3].

Non possiamo scordare che la guerra serbo-croata consumatisi negli anni Novanta è stato il primo grande conflitto internazionale continentale vissuto dopo il dramma della Seconda Guerra Mondiale[4]. Successivamente, lo scontro NATO-Belgrado[5], realizzato per la escalation che, nella questione separatista del Kossovo ha visto l’Occidente non promuovere il movimento nonviolento separatista culturale albanese kosovaro di Ibrahim Rugova quanto il braccio della resistenza armata dell’UCK sgradito a Milošević nella conferenza di Rambouillet, secondo alcune teorie è stato magistralmente programmato da chi, Oltreoceano, temeva il varo dell’Euro a discapito del Dollaro sulla scena finanziaria mondiale. Una guerra, si sa, favorisce sempre depauperamento e necessità di ricostruzione.

Non posso scordare le cronache di quei conflitti (tra le quali – guardando a casa nostra – il rinvenimento nella laguna di Venezia da parte dei pescatori adriatici di un carrello di missili all’uranio impoverito di un F16 in forza NATO: evidentemente, di ritorno da un raid su Belgrado, il carrello non si era aperto e, per evitare un rapporto, il pilota aveva ben pensato di liberarsene prima del rientro. Poco importa se, uranio impoverito, il pesce pescato in Laguna avrebbe contribuito nel tempo a un inevitabile innalzamento di tumori procurati per via alimentare alla popolazione interessata…)

A questi drammi vissuti nel recente passato in quest’area che condivide con la nostra nazione confini e affaccio sull’Adriatico, si aggiunge un’incombente catastrofe umanitaria[6].

Ancora una volta, appena celebrata l’annuale Giornata della Memoria, rimane una domanda: può l’uomo nascondersi dietro il “silenzio di Dio” quando lui per primo si volge altrove davanti ai drammi dei suoi simili?


[1] Silenzio di Dio e silenzi umani in André Neher  https://riforma.it/it/articolo/2020/12/09/silenzio-di-dio-e-silenzi-umani-andre-neher

[2] Dietrich Bonhoeffer. Resistenza e resa. Lettere e scritti dal carcere https://m.famigliacristiana.it/blogpost/bonhoeffer-e-il-dio-per-un-mondo-adulto.htm

[3] Rotta balcanica: i fantasmi del passato, l’orrore del presente. L’Italia? non pervenuta

https://www.globalist.it/world/2021/01/30/rotta-balcanica-i-fantasmi-del-passato-l-orrore-del-presente-l-italia-non-pervenuta-2073295.html

[4] Drammatica e veritiera trasposizione filmica in No men’s land (2001) https://www.mymovies.it/dizionario/recensione.asp?id=33421

[5]L’Italia nella guerra contro Milošević   https://www.limesonline.com/carta-carta-italia-guerra-kosovo-bombardamenti-nato/119828?prv=true
[6]  Viaggio senza fine sulla rotta dei Balcani
https://www.internazionale.it/notizie/ylenia-gostoli/2020/12/11/migranti-rotta-balcani
Categorie
Uncategorized

MEMORIA E PROFEZIA

Pubblicato in https://www.facebook.com/489568887824409/posts/4045358312245431/

Una delle affermazioni di Sami Modiano che più mi ha colpito: “Noi siamo sempre là. Non ce ne siamo mai andati da Auschwitz-Birkenau”.

La ferita non rimarginabile conservata dai sopravvissuti dei lager nazisti ci è trasmessa dalle molteplici testimonianze di coloro che hanno visto con i loro occhi questi orrori.

L’istituzione della Giornata della Memoria, voluta dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 1.11.2005, celebrata il 27 gennaio di ogni anno, deve essere occasione preziosa non solo per riflettere su una delle pagine più buie del XX secolo, quella della Shoà con lo sterminio di sei milioni di ebrei; può essere, a mio modo di vedere, occasione di partenza per andare oltre questa vicenda e aprire l’orizzonte a tutti i genocidi, ai conflitti e alle violazioni dei diritti umani che continuano a perpetuarsi nei cinque Continenti.

Non possiamo dimenticare che si sono consumati nell’ultimo secolo in maniera efferata e drammatica diversi altri genocidi, quali quelli realizzati in Armenia, Timor Est, Cambogia, Rwanda. Al tempo stesso è impressionante il numero dei conflitti e delle violenze che si realizzano ogni anno in ogni parte del mondo[1]. Le statistiche potrebbero farci perdere il sonno[2].

È sotto i nostri occhi il dramma che si sta consumando sul percorso migratorio che passa dai Balcani per il respingimento dei profughi siriani e non solo e che sono bloccati sotto la neve del rigido inverno bosniaco. Ci può venire alla mente il dramma vissuto 75 anni fa nei lager nazisti in terra polacca, prima con il lavoro degli internati a 15-20 gradi sottozero dalle sei del mattino alle sei della sera, poi con la drammatica marcia della morte, epilogo finale prima della liberazione dei campi, consumatosi nei giorni successivi al 18 gennaio 1945.

Quella domanda drammatica, che il testimone Sami Modiano ha rivolto a sé stesso e che risuona davanti a tutti: “Perché?” continua a chiamare ciascuno di noi ad una analisi e ad un impegno.

Papa Francesco ha invitato a più riprese a costruire una riflessione e dare risposte concrete e operative ai drammi di quella che lui chiama “Una terza Guerra Mondiale a pezzi”.

Al tempo stesso le guerre, i conflitti, le crisi, sono generate non solo da motivazioni etniche, tribali, politiche o finanche religiose; le motivazioni reali sono sempre quelle economiche legate alla razzia delle materie prime, al controllo dei mercati, non solo illeciti ma anche legalizzati, al commercio delle armi, al profitto come unico fine, nonostante questo provochi sfruttamento del lavoro, depauperamento di intere nazioni, debito internazionale esponenziale, corruzione generalizzata, taglio delle spese ordinarie governative nazionali nei settori dell’alimentazione, della sanità, dell’istruzione, delle infrastrutture, distruzione dell’ecosistema planetario.

Pare che, statistiche alla mano, le dieci persone più ricche della terra abbiano guadagnato durante questo anno di pandemia una cifra sufficiente da sola a coprire le spese vaccinali per tutta la popolazione terrestre.

Queste sperequazioni devono porre forti domande alle nostre coscienze e ognuno di noi deve lavorare perché possano essere proposti ed attuati nuovi modelli nella gestione globale interconnessa dell’economia, senza che questa debba legarsi al solo standard del profitto privato, ma guardi alla realizzazione dei diritti fondamentali dell’uomo. Vorrei approfondire a tal riguardo la proposta di Assisi di “The Economy of Francesco”[3].

L’attuale contesto della pandemia è una pagina di storia planetaria che, come detto, ci potrà rendere migliori o peggiori, a seconda di come imposteremo la nostra gestione post-pandemica: torneremo a vivere la vita di oggi, come attori sfruttati da un sistema che ci vuole consumatori e ci consegna un diritto di cittadinanza appunto come tali (senza un conto in banca non avremmo neanche diritto all’anagrafe) all’interno del mercato liberista che si nutre ogni istante delle vite di milioni di innocenti senza nome? O saremo disposti non solo a percorrere le vie dell’accoglienza verso i diseredati della storia (poveri, disoccupati, profughi, immigranti) ma soprattutto a pretendere le vie della giustizia e del diritto?

I genocidi non sono solo quelli provocati dalla follia delle masse trascinate da ideologie, leaders politici e religiosi, mossi dalla brama di potere e di affermazione.

Sono anche quelli che si consumano ogni momento sulla Terra a motivo delle strutture di peccato[4] che, come cittadini del mondo e come credenti, dobbiamo riconoscere e contrastare.

Solo allora quel “mai più” che Sami Modiano e tutti gli altri testimoni della Shoà ci trasmettono con il loro appello e il loro monito accorato, potrà trovare attenzione e accoglienza concreta. Non più solo la memoria di ciò che è stato. Ma anche il desiderio di presentare una profezia per un mondo migliore.

Alessandro Manfridi

[1] Barometro dei conflitti 2019 https://hiik.de/wp-content/uploads/2020/03/CoBa-Final-%C3%BCberarbeitet.pdf[

2] ACLED, Piattaforma di raccolta, analisi e mappatura delle crisi, https://acleddata.com/dashboard/#/dashboard

[3] https://francescoeconomy.org/it/

[4] LETTERA Enciclica SOLLICITUDO REI SOCIALIS http://www.vatican.va/content/john-paul-ii/it/encyclicals/documents/hf_jp-ii_enc_30121987_sollicitudo-rei-socialis.html

Categorie
Uncategorized

PERCHÈ PERDONARE SIGNIFICA TORNARE ALLA VITA

Pubblicato su https://www.vinonuovo.it/teologia/pensare-la-fede/quando-perdonare-significa-tornare-alla-vita/

Ho avuto occasione di conoscere Cesare Israel Moscati[1] nell’ambito di un suo progetto proposto agli studenti delle scuole superiori molto interessante, un documentario che ha realizzato l’idea e l’intuizione di far incontrare i nipoti delle vittime dei campi di concentramento nazisti con quelli dei loro aguzzini. In questi incontri c’è un riconoscimento del dramma e la richiesta di perdono da parte dei nipoti dei soldati tedeschi per quel che i loro avi avevano provocato.

Interrogato da me sul percorso che porta non solo ad accettare le scuse altrui – sebbene non riparative di quanto subìto – ma anche a concedere il perdono, il registra ebreo con veemenza, decisione, vigore mi rispondeva: “Mai! Professore, si possono accettare le scuse, si può accogliere il riconoscimento del male prodotto ma non si potrà mai e poi mai perdonare quel che la Shoà ha provocato!”

Recentemente, registro con estremo rispetto l’ammissione della stessa posizione da parte di una delle testimoni e delle personalità di più grande spessore umano e morale che il nostro paese annovera, la senatrice Liliana Segre[2].

Ritengo che l’annuale Giornata della Memoria[3] sia una occasione importante non solo per riflettere sugli eventi della Shoà ma anche per riconoscere tutti quei genocidi dimenticati e taciuti che si sono verificati e continuano a verificarsi purtroppo in varie regioni della Terra.

Indubbio il dramma indicibile che i protagonisti hanno subìto e hanno trasmesso con i loro vissuti alle loro famiglie e alle loro nazioni.

Tali drammi divengono una occasione per proporre una riflessione ulteriore: quella sulle dinamiche che portano a confrontarsi, nell’ambito dei percorsi per la ricostruzione delle vite dopo le violenze subìte, sulla possibilità di realizzare reali processi di perdono.

Per introdurre la riflessione su questo argomento, ritengo sia necessario transitare da un soggetto collettivo (una nazione, una popolazione, un’etnia) a quel soggetto che coincide con ogni singolo individuo.

È chiaro che, se è vero che il perdono lo si può chiedere ad una collettività, ad una pluralità di soggetti e di persone offese da un delitto (è indubbio che i genocidi possano assumere ampiezze e dimensioni che abbracciano lo spazio e il tempo e i cui numeri si determinano in maniera drammaticamente esponenziale) e se nella storia non son mancati esempi significativi a riguardo (ritengo una pagina enorme quella proposta da Giovanni Paolo II con la Purificazione della Memoria[4] durante il Grande Giubileo del 2000), è pur vero che l’atto del perdonare e del concedere il perdono, prima che un atto giuridicamente normato (amnistia, grazia[5]) è e rimane un atto il cui soggetto è l’individuo singolo e le cui dinamiche possono essere riconosciute come profondamene umane[6].

Parlando di perdono, balza alla mente la domanda di Pietro a Gesù di Nazareth: «Signore, quante volte dovrò perdonare al mio fratello, se pecca contro di me? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette, ma fino a settanta volte sette». (Mt 18, 21-35)

La risposta naturalmente suggerisce che non ci debba essere una misura né un limite nella disponibilità a perdonare. La parabola esplicativa illumina sulla consapevolezza di essere in debito più di quanto si possa ritenere di essere in credito a tal riguardo. L’orizzonte è naturalmente quello di una prospettiva teologica.

Indubbiamente, il messaggio cristiano si colora di un proprium che lo caratterizza in maniera innegabile: uno dei cosiddetti ipsissima verba è proprio l’invito di Gesù a l’amore per i nemici.[7]

Fino a che punto è possibile perdonare per il male subìto?

Forse si sarebbe disposti a farlo se siamo noi le vittime. Ma se le vittime sono i nostri cari o persone innocenti, la cosa diventa più pesante.

È possibile perdonare una persona che ha levato la vita a tuo figlio?

Questa domanda, netta, tagliente, impietosa, è quella che io pongo ai miei studenti dopo aver proposto loro la visione di un film del 1995 che ritengo prezioso, Dead man walking[8], con Sean Penn e Susan Saradon (Oscar 1996 come miglior attrice protagonista), ispirato alla vicenda di suor Helen Prejean.

Il tema del film è, prima di quello del perdono, quello dei molteplici percorsi di “riposizionamento”, di “trasformazione”, di “conversione” dei suoi protagonisti: dalla suora, che parte con le migliori intenzioni nello svolgimento della sua “missione” ma deve scontrarsi con una realtà più complessa di quanto possa apparire, quanto sono singolari le vicende di tutti i suoi attori e deve, naturalmente, fare i conti con i suoi limiti e le sue debolezze; all’assassino, che partirà dal suo attaccamento alla vita e dai suoi tentativi per conservarla, da una vita senza alcuna dignità, macchiata dalla bruttura per la mancanza di ogni “timor di Dio” e di alcun rispetto verso il suo prossimo (egli si sente “vittima del sistema” e in diritto di rivalere un suo “credito” verso la società) fino ad una vera e propria conversione finale, che gli permette di tornare ad essere un uomo veramente libero, nell’atto del riconoscere e confessare la verità del male compiuto e di chiederne perdono.

Soggetti centrali, nel racconto, sono proprio i genitori delle vittime. Con due esiti diversi. Quello di chi rifiuta ogni possibilità di perdono, negandolo anche nell’epilogo, quello che precede l’esecuzione capitale; il pretendere e cercare la vendetta, il sangue, la morte, l’occhio per occhio, dente per dente, lascia però aperta una domanda, che per l’osservatore attento appare retorica: potranno trovare la pace i genitori delle vittime una volta che il loro lutto sarà vendicato col sangue?

Evidentemente no. Perché – la rappresentazione dei protagonisti filmici lo suggerisce – la rabbia, il rancore, l’odio, una volta eliminato violentemente l’autore del male subito (che egli abbia riconosciuto la sua colpa o meno), difficilmente potrà cedere il posto ad una vera pace; molto probabilmente quello che prenderà il sopravvento sarà piuttosto un tragico sentimento di disperazione: quello di chi conserva il suo lutto e inoltre non ha più tra le mani il soggetto che lo ha provocato.

Perché dunque il perdono potrebbe essere, davvero, un percorso liberante e rivitalizzante?

C’è un testo magistrale illuminante, quello di Giovanni Paolo nel II suo messaggio per la XXX Giornata Mondiale della Pace, 1° gennaio 1997: Offri il perdono, ricevi la pace[9].

Il perdono vero non va né contro la verità né contro la giustizia. Le pretende. Non può prescindere da esse. Questo l’insegnamento biblico, questo il dettame della teologia morale cristiana. Il vero perdono non si oppone né alla verità né alla giustizia. A cosa si oppone? Al rancore, alla rabbia, all’odio, al desiderio di vendetta, al rispondere al male con il male, alla violenza con la violenza, alla prevaricazione con le ragioni della forza.

Naturalmente, la via della non-violenza, la beatitudine degli operatori di pace, la liberazione che solo nella verità e nella giustizia si compie nell’atto sovra-umano e ultra-umano del perdono (perché – umanamente – la risposta alla domanda: “si può perdonare chi ti ha ucciso un figlio?” è -umanamente: “Mai!”) è una possibilità che va al di là ed oltre ogni umana prospettiva.

Nel film tale percorso è assunto dall’incontro della suora con il padre di una delle vittime, e si ammette che quello del perdono non è un evento puntuale, non si riassume in una dichiarazione ma è un lento e faticoso cammino di conversione e di assunzione di consapevolezza.

Ricordo come ieri una testimonianza toccante, trasmessa da un giovane angolano davanti a Giovanni Paolo II e i due milioni di giovani alla GMG a Tor Vergata il 19 agosto del 2000: il perdono per gli uccisori del fratello sindacalista come unica strada alternativa alla via della violenza della guerra civile[10].

Se vogliamo, una parola illuminante è proprio quella espressa dal figlio dell’uomo sulla croce: “Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno” (Lc 23,34)

Da dove viene il male che ciascun uomo compie in maniera efferata, fino ad arrivare all’omicidio? L’etimologia del termine “cattivo” (captivus = “prigioniero”) e il messaggio di Gv 8, 34 (chi entra in abitudini distruttive ne diviene dipendente) si agganciano proprio alle parole elevate dalla croce: se l’uomo potesse avere la consapevolezza di quali saranno le conseguenze di ogni sua azione di male (od omissione di bene, nda) ci penserebbe non una ma mille volte. Per questo solo la verità, l’ammissione in coscienza del male provocato e la richiesta/concessione del perdono diventano una strada liberante e rigenerante. Per chi la chiede e per chi la dà.


[1]Israel Cesare Moscati (1951-2019)  https://moked.it/blog/2019/09/27/israel-cesare-moscati-1951-2019/
[2] Milano, Segre cita Levi: “Non perdono e non dimentico, ma non odio” https://www.youtube.com/watch?v=rAdZWRGr9RA

[4]Giornata del Perdono (12 marzo 2000) http://www.vatican.va/jubilee_2000/jubilevents/events_day_pardon_it.htm

[3] https://www.un.org/en/holocaustremembrance/docs/res607.shtml

[5] https://www.treccani.it/enciclopedia/amnistia-e-indulto-diritto-costituzionale/

[6] Il perdono come modello dell’azione umana in Hannah Arendt

[7] 27Ma a voi che ascoltate, io dico: Amate i vostri nemici, fate del bene a coloro che vi odiano, 28benedite coloro che vi maledicono, pregate per coloro che vi maltrattano. 29A chi ti percuote sulla guancia, porgi anche l’altra; a chi ti leva il mantello, non rifiutare la tunica. 30Dà a chiunque ti chiede e a chi prende del tuo, non richiederlo. 31Ciò che volete gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro. 32Se amate quelli che vi amano, che merito ne avrete? Anche i peccatori fanno lo stesso. 33E se fate del bene a coloro che vi fanno del bene, che merito ne avrete? Anche i peccatori fanno lo stesso. 34E se prestate a coloro da cui sperate ricevere, che merito ne avrete? Anche i peccatori concedono prestiti ai peccatori per riceverne altrettanto. 35Amate invece i vostri nemici, fate del bene e prestate senza sperarne nulla, e il vostro premio sarà grande e sarete figli dell’Altissimo; perché egli è benevolo verso gl’ingrati e i malvagi.

36Siate misericordiosi, come è misericordioso il Padre vostro. 37Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e vi sarà perdonato; 38date e vi sarà dato; una buona misura, pigiata, scossa e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con cui misurate, sarà misurato a voi in cambio». (Lc 6, 27-38)

[8] https://www.cinematografo.it/cinedatabase/film/dead-man-walking—condannato-a-morte/28157/

[9] http://www.vatican.va/content/john-paul-ii/it/messages/peace/documents/hf_jp-ii_mes_08121996_xxx-world-day-for-peace.html

[10] https://www.agensir.it/quotidiano/2000/8/19/gmg-tor-vergata-le-testimonianze-alla-veglia/ Purtroppo non son riuscito a reperire sulla rete la trasmissione dettagliata della veglia di preghiera a Tor Vergata.

Categorie
Uncategorized

Vangelo e Cattolicesimo. Quali i valori non negoziabili?

Pubblicato su https://www.vinonuovo.it/teologia/etica/joe-biden-e-il-cattolicesimo/

All’indomani della proclamazione di Joe Biden come certo 46° presidente degli Stati Uniti d’America, non sono poche le voci di chi sottolinea che sia inquilino uscente dalla Casa Bianca a poter incarnare il ruolo di “defensor fidei”.

Biden sarebbe sgradito a coloro che si richiamano ai valori non negoziabili che per i cattolici sarebbero in primis quelli “pro-life” della difesa per la vita che la Chiesa Cattolica ha costantemente insegnato col suo Magistero in Teologia Morale fino ad spaziare negli ultimi decenni nelle frontiere della Bioetica.

Dunque il senatore del Delaware sarebbe giudicato mancante proprio a partire dalla sua posizione abortista.

Altri lo accusano di essere supportato da pedofili e satanisti, mettendo sotto accusa tra l’altro dei reati di cui si sarebbe macchiato il figlio.

D’altronde i meriti di Trump, alla luce degli insegnamenti cattolici, non sarebbero pochi.

Egli infatti:

1. Ha tolto fondi a planet parenthood, l’abortificio che trafficava in organi dei feti uccisi (anche a mano, per strangolamento, dopo il parto, inchieste agghiaccianti lo hanno provato) e ha sempre difeso la sacralità della vita dal concepimento. 2) Non ha fatto guerre all’estero! A differenza di Obama, Bush, Clinton e di tutti i presidenti americani precedenti, stabilendo un record da Eisenhower ad oggi. 3) Ha contribuito ai processi di pace con nord Corea, e soprattutto tra israeliani e palestinesi con il Piano Abramo, un concreto percorso di pace mai tentato prima. 4) Ha fatto ciò che ha promesso in economia interna, dando il rilancio per cui i suoi elettori lo hanno votato. 5) Ha difeso la libertà religiosa, sempre più messa a rischio da leftist, marxists, egemoni nel mondo delle università americane. 6) Ha difeso la visione naturale della famiglia e del matrimonio, ostacolando i progetti di indottrinamento gender. Il muro del Messico è lo stesso di prima, solo i media l’hanno usato per per dargli addosso.

Per questo motivo egli sarebbe l’ultimo bastione di difesa avverso un progetto globalista mondiale che unisce lo sprezzo alla vita umana ben significato dai movimenti abortisti e gender e l’ateismo che oggi impera ovunque facendosi forte di due super potenze economiche nelle quali esso ha messo radici, la Cina e la Russia.

Dopo aver letteralmente ripreso nei due capoversi precedenti delle osservazioni che mi sono state presentate a difesa di Trump da chi ritiene il secondo presidente cattolico degli Stati Uniti dopo Kennedy invotabile e meritevole di non ricevere i sacramenti, date le sue posizioni dichiaratamente anti-Life, plaudendo a chi glieli ha rifiutati (fin qui possiamo eccepire che queste sono le disposizioni della Chiesa Cattolica…) dobbiamo proporre un un’ampliamento di prospettiva.

Il richiamo ai valori non negoziabili come quelli pro-Life sono propri non solo della gestione Trump ma anche di altri movimenti e partiti che si richiamano alle visioni sovraniste, dalla Polonia che ha appena legiferato rendendo illegale la pratica abortiva sul suolo nazionale alla leader di FdI che ha recepito la sconfitta dei Repubblicani come non determinante per una visione, quella sovranista appunto, più viva che mai e supportata da un indice di consensi innegabile e significativo non solo oltre Atlantico ma nello stesso Bel Paese.

Tali valori sono, come detto, non negoziabili proprio a partire dalle indicazioni del Magistero della Chiesa Cattolica.

Data questa premessa, ecco la conclusione che già era girata come slogan durante l’ultima tornata elettorale amministrativa qui in Italia, ma che indubbiamente è utilizzato come cavallo di battaglia e ripetuto come un mantra da coloro che ritengono di esprimere il loro consenso verso queste forze politiche: “Chi vota Democratico NON È cattolico!”

È chiaro che un cattolico non può ritenere che l’aborto sia qualcosa di perseguibile. Anche se la cattolicissima Italia già si espresse diversamente col referendum del 1977.

Qui però non dobbiamo discutere sulla illiceità o meno della pratica abortiva.

Da un punto di vista civile, in uno Stato non confessionale, l’interruzione di gravidanza viene presentata come possibilità e non come norma impositiva; è chiaro che un cattolico osservante del Magistero e tutto il Movimento pro-Life promuoveranno una cultura della vita e la difesa della stessa.

È esatto però ritenere che un cattolico che vota per il “centro sinistra” tradisce i fondamenti della sua professione di fede? E che un cattolico non può non votare una espressione partitica di centro-destra?

Evidentemente, la risposta la troviamo nello stesso Magistero della Chiesa Cattolica e, prima di questo, nelle indicazioni bibliche ed evangeliche.

Negli insegnamenti del Magistero Sociale della Chiesa valori non negoziabili non sono solo quelli legati alla sacralità e inviolabilità della vita.

Concetti come: universale destinazione dei beni, riconoscimento dei diritti dei popoli, promozione umana, opzione preferenziale per i poveri, denuncia di ogni “struttura di peccato” e in particolare della frode di mercede agli operai e dello sfruttamento dei lavoratori e della negazione dei loro diritti, promozione del lavoro umano, sono ribaditi con forza nel magistero dei Pontefici dell’ultimo secolo, da Leone XIII a Benedetto XVI.

Con Francesco stiamo ricevendo ulteriori indicazioni: dall’invito a ritrovare la via della pace e il bando dell’industria delle armi e della guerra, produttrici di una “terza guerra mondiale a pezzi” all’appello accorato ad udire il grido delle popolazioni vittime di un sistema liberista economico mondiale che sta condannando allo sfruttamento e alla fame interi continenti, costringendo tanti figli di Dio a migrazioni che trovano nel Mediterraneo solo una delle loro tombe.

Dall’appello ad un dialogo tra le religioni e con l’Islam in particolare per un confronto che sia prolifico per le nazioni avverso ogni percorso di terrorismo e di sfruttamento al grido per l’inarrestabile processo che sta conducendo questo modello economico mondiale liberista a distruggere la “casa comune”, il pianeta Terra, con l’incendio di foreste, l’inquinamento mortale degli oceani, l’emissione esponenziale di gas-serra, incredibilmente arginata proprio grazie al COVID-19 e al conseguente lockdown mondiale vissuto nei mesi scorsi.

A ben guardare tutti questi temi, propri dunque del Magistero non solo dell’attuale Vescovo di Roma ma dei suoi predecessori, non possono non essere considerati come valori anch’essi non negoziabili, non solo da una coscienza civile diffusa fra laici, non credenti o credenti di altri credi, ma proprio per ogni cattolico che si ritenga tale.

Il fatto che siano in giro teorie del Deep State, di un Nuovo Ordine Mondiale e di un Great reseat che vedono in Trump l’ultimo baluardo per i valori del Cattolicesimo e in Biden e papa Francesco gli attori del disegno più satanico del nemico dell’umanità non devono ingannarci.

Ben venga qualsiasi lettura critica. Vero che la presidenza Trump ha anche i suoi meriti come non nego riportando alla lettera, come detto, le osservazioni che mi sono state mosse. Non ha portato avanti guerre pianificate contro i paesi islamici come quelle contro Iraq e Afganistan dei Bush, di Clinton, continuate da Obama con l’eliminazione di Osama Bin Laden; ma non scordiamo l’eliminazione di Soleimani con un’azione che naturalmente calpesta ogni diritto internazionale per proporci la legge del far west; ma in questo è pienamente in linea con la gestione USA a livello internazionale, dal Vietnam alla Corea ad oggi.

Vero anche che Biden non sia un Messia (non porta il nome di Bolsonaro…) e che dovremo aspettarlo all’opera e criticare tutto ciò che sarà criticabile.

La narrazione complottista e mondialista va sottoposta al vaglio critico di chi cerca di interpretare una teoria che vorrebbe imporre una linea di pensiero. Tale narazzione si appoggia, anche, e qui naturalmente in maniera mirata e non trasparente, ai valori “non negoziabili” di chi viene dunque invogliato, sotto l’impegno della difesa di tali valori, ad esprimere un consenso che a ben vedere non risulta sempre lucido ma a volte viene carpito subdolamente.

Sostenere che chi vota per una formazione abortista tradisce una delle indicazioni del magistero cattolico non è inesatto.

Sostenere che, di conseguenza, è realmente “cattolico” solo chi vota dall’altra parte è non solo inesatto ma anche fuorviante.

Posto che il mondialismo e il complottismo debbano ancora essere “studiati” (fino a che punto si tratta di un reale movimento-complotto o quanto una lettura critica può smontare-ridimensionare tale narrazione?) non possiamo negare che i “valori” sui quali si fondano le teorie, i movimenti e i partiti sovranisti sono profondamente antievangelici e dunque, chi esprime il consenso a queste realtà, deve avere l’onestà di dire che il suo voto non può essere motivato da una visione cristiana nè tanto meno da un’etica cattolica.

Non ce lo ricorda in maniera costante il solo Papa Francesco con i suoi appelli e con il suo magistero.

Ce lo ricorda il Vangelo stesso con l’icona del Buon Samaritano e non solo.

Categorie
Uncategorized

Zwei Monate in Santa Marta

Reflexion über den Inhalt der Predigten in Santa Marta während der Sperrung

Alessandro Manfridi

04/09/2020

Vom 9. März bis 17. Mai 2020 wurden 64 eucharistische Feierlichkeiten des Bischofs von Rom live aus der Kapelle Santa Marta übertragen.
Durch seinen ausdrücklichen Willen haben diese Feierlichkeiten, die seit Beginn seines Dienstes ein Familientreffen mit einer kleinen Anzahl von Gläubigen abgehalten haben, die an ihnen teilgenommen haben (Tausende in den letzten Jahren) und die er nie in einem integralen und öffentlich machen wollte direkt, waren stattdessen in dieser Zeit offen für alle, die über die von den vatikanischen Medien übermittelte Streaming-Verbindung an die verschiedenen mit ihnen verbundenen Netze teilnehmen wollten.
Auf diese Weise wollte der Papst seine Nähe “zu den Kranken dieser Coronavirus-Epidemie” zeigen, für Ärzte, Krankenschwestern, Freiwillige, die so viel helfen, Familienmitglieder, für ältere Menschen, die in Altersheimen sind, für Gefangene, die sie sind eingesperrt »¹.
Diese Ernennung, die mit einer bedeutenden Zeit zusammenfiel, wie sie die Liturgie jedes Jahr zuerst mit der Fastenzeit und dann mit Ostern vorschlägt, wurde in einem ebenso kritischen wie unerwarteten Kontext geteilt wie der der Pandemie und der daraus resultierenden erzwungenen Isolation aufgrund der Sperrung. .
Ausgehend von einem bestimmten Kontext wie dem der Predigten, die die biblischen Lesarten der eucharistischen Liturgie erklären, übermittelte Franziskus viele Inhalte, Hinweise, Vorschläge und Ermahnungen, die nicht nur von denjenigen empfangen und geschätzt wurden, die sich im Netzwerk oder über das Fernsehen verbanden. Live, aber auch von denen, die dank der Medien und der Nachrichten, die damals über einige von Santa Marta übermittelte Überlegungen berichteten, darauf aufmerksam wurden.
Lassen Sie uns versuchen, einige dieser Passagen aufzugreifen, von denen wir glauben, dass sie wichtig sind, um sie zu begrüßen und weiterzuentwickeln.
Was waren die beliebtesten Themen in diesen zwei Monaten in Santa Marta?
Beim Durchblättern aller Predigten fanden wir die Wörter, die in mehr als einer Predigt vorkamen, und zeichneten 106 Elemente unter ihnen auf.
Die Begriffe, die am häufigsten vorkommen – abgesehen von den Namen: Sohn, Vater und Heiliger Geist – sind die Wörter Teufel (in neun Predigten), Kirche (10), Gesetz (10), Sünde (12), Herz (16), Volk Gottes (17); Wir haben auch die Wörter Glaube, Vertrauen, Treue, Glauben, Vertrauen kombiniert und ihre Wiederholung in 21 Predigten festgestellt.
Was sind die Anzeichen für diejenigen, die die Verpflichtung des Glaubens leben?
Der Glaube muss weitergegeben, angeboten werden, ohne jedoch in die Versuchung eines Proselytismus zu geraten: Die Wege sind Zeugnis und Dienst; das Kleidungsstück das der Demut. Jeder Proselytismus führt zu Korruption².
In Bezug auf die Umsetzung des Glaubenszeugnisses behauptet Franziskus:
Sie können ein Krankenhaus errichten, eine Bildungsstruktur von großer Perfektion, von großer Entwicklung, aber wenn eine Struktur ohne christliches Zeugnis ist, wird Ihre Arbeit dort keine Zeugenarbeit sein, eine Arbeit der wahren Verkündigung Jesu: Es wird eine Wohltätigkeit sein, sehr gut sehr gut! – aber nichts mehr³.
Diese Worte scheinen eine Antwort auf alle zu sein, die den Bischof von Rom beschuldigen, eine Vision zu fördern, die den Vorrang des Glaubens mit dem Vorschlag der Kirche als “Feldkrankenhaus” vernachlässigen würde. Franziskus lädt uns ein, vorsichtig zu sein und die Verpflichtung, den Glauben zu predigen, auf das binomische Zeugnis und Gebet zu stützen.
Der Glaube zeichnet sich durch die Konkretheit aus, die in seinen verschiedenen Aspekten umrissen ist: die Konkretheit der Wahrheit, die Konkretheit der Demut, die Gnade der Einfachheit.
Dienst ist das eigentümliche Merkmal, das im “Personalausweis” des Nachfolgers Jesu enthalten ist, und es ist dieser Stil, der zum Bauen und Bauen gemäß dem Wahlaufruf führt, wie er in der Predigt am Dienstag der Karwoche übermittelt wird. Ausdauer im Dienst ist von grundlegender Bedeutung.
Die biblischen Konzepte von Wahl, Verheißung und Bund werden in der Predigt vom 2. April in Erinnerung gerufen.
Franziskus sagt auch: Wehe den Heuchlern und den Korrupten. Gott in der Tat
Dem Korrupten vergibt er nicht, einfach weil der Korrupte nicht um Vergebung bitten kann, ist er weiter gegangen. Er ist müde … nein, er ist nicht müde: er ist nicht fähig. Korruption hat ihn auch der Fähigkeit beraubt, dass wir uns alle schämen müssen, um um Vergebung zu bitten. Nein, die Korrupten sind in Sicherheit, sie gehen weiter, sie zerstören, sie beuten Menschen aus, wie diese Frau, alles, alles … es geht weiter. Er stellte sich an Gottes Stelle.
Eine der schädlichsten und destruktivsten Einstellungen, die der Botschaft des Evangeliums entgegengesetzt sind, ist das Murmeln, Beschweren und Geschwätz, was zu einem echten sozialen Lynchen wird und so weit geht, die Wahrheit mit Verleumdungen und falschen Nachrichten umzukehren, die, wenn sie verbreitet werden, die Massen, die auch zu Formen blutiger Gewalt führen.
Neben den Beispielen von Jesus und Stephanus und den christlichen Märtyrern jeden Alters haben wir das zeitgenössische Drama des Holocaust.
Angesichts dieser tödlichen Situation, die durch eine destruktive Beharrlichkeit gekennzeichnet ist, ist das Beispiel, das Jesus uns übermittelt hat, das des Mutes zu schweigen: Wut nur mit Stille, niemals mit Rechtfertigung entgegenzutreten.
Menschlicher Missbrauch hört nicht bei Murmeln und Wut auf, die zu körperlicher Gewalt führen, sondern wird auf tragische Weise durch jede Form von Ungerechtigkeit verwirklicht, die über einzelne Gesellschaften hinausgeht, um universelle Dimensionen anzunehmen.
Meisterhaft in dieser Hinsicht ist die Predigt am Gründonnerstag mit der Lesung des Verrats neben dem Verkauf unseres Nachbarn.
Wenn wir daran denken, Menschen zu verkaufen, fällt uns der Handel mit Sklaven aus Afrika ein, um sie nach Amerika zu bringen – eine alte Sache -, dann der Handel zum Beispiel mit jazidischen Mädchen, die an Daesh verkauft wurden: aber es ist eine entfernte Sache, das ist es eins … Noch heute werden Menschen verkauft. Jeden Tag. Es gibt Judas, die ihre Brüder und Schwestern verkaufen: sie in ihrer Arbeit ausbeuten, nicht das Recht bezahlen, ihre Pflichten nicht anerkennen … In der Tat verkaufen sie oft die teuersten Dinge. Ich denke, um sich wohler zu fühlen, kann ein Mann seine Eltern wegschieben und sie nicht mehr sehen. Bewahren Sie sie in einem Altersheim auf und gehen Sie nicht zu ihnen … es verkauft sich. Es gibt ein sehr verbreitetes Sprichwort, das von solchen Leuten spricht, dass “dies in der Lage ist, die eigene Mutter zu verkaufen”: und sie verkaufen sie. Jetzt sind sie ruhig, sie sind weg: “Du kümmerst dich um sie …”.
Heute ist der Menschenhandel wie in den frühen Tagen: Er wird durchgeführt. Warum ist das? Warum: Jesus hat es gesagt. Er gab einem Herrn Geld. Jesus sagte: “Gott und Geld können nicht gedient werden” (vgl. Lk 16,13), zwei Herren. Es ist das einzige, was Jesus auferweckt und jeder von uns muss wählen: o Gott dienen, und du wirst frei in Anbetung und Dienst sein; oder Geld dienen, und Sie werden ein Sklave des Geldes sein. Dies ist die Option; und viele Menschen wollen Gott und Geld dienen. Und das geht nicht. Am Ende geben sie vor, Gott zu dienen, um Geld zu dienen. Es sind die versteckten Ausbeuter, die sozial einwandfrei sind, aber unter dem Tisch machen sie Geschäfte, auch mit Menschen: Es spielt keine Rolle. Menschliche Ausbeutung verkauft den Nachbarn … es gibt einen Schritt zu stehlen, um zu verraten, Kleiner. Diejenigen, die Geld zu sehr lieben, betrügen immer, um mehr zu bekommen: Es ist eine Regel, es ist eine Tatsache¹⁰.
Denken Sie nur an die Ungerechtigkeiten, die die Würde des Menschen leugnen, indem sie Arbeitsbedingungen auferlegen, die reale Situationen der Sklaverei sind¹¹.
Die Predigt vom 6. April berührt das Gewissen:
Diese Geschichte des untreuen Administrators ist immer aktuell, es gibt immer auch auf hohem Niveau: Denken wir an einige gemeinnützige oder humanitäre Organisationen, die viele Mitarbeiter haben, viele, die eine sehr reiche Struktur von Menschen haben und am Ende die erreichen vierzig Prozent arm, weil sechzig das Gehalt so vieler Menschen bezahlen sollen. Es ist eine Möglichkeit, Geld von den Armen zu nehmen. Aber die Antwort ist Jesus. Und hier möchte ich aufhören: “Du hast die Armen immer bei dir” (Joh 12,8). Dies ist eine Wahrheit: “Tatsächlich haben Sie immer die Armen bei sich”. Die Armen sind da. Es gibt viele: Es gibt die Armen, die wir sehen, aber das ist der kleinste Teil; Die große Zahl der Armen sind diejenigen, die wir nicht sehen: die verborgenen Armen. Und wir sehen sie nicht, weil wir in diese Kultur der Gleichgültigkeit eintreten, die negationistisch ist, und wir leugnen: “Nein, nein, es gibt nicht viele, sie können nicht gesehen werden; Ja, dieser Fall… “, was die Realität der Armen immer schmälert. Aber es gibt viele, viele.
Oder sogar, wenn wir nicht in diese Kultur der Gleichgültigkeit eintreten, gibt es die Gewohnheit, die Armen als Ornamente einer Stadt zu sehen: Ja, es gibt wie Statuen; ja, es gibt sie zu sehen; Ja, diese alte Frau, die um Almosen bittet, die andere … Aber als ob es eine normale Sache wäre. Es gehört zur Ornamentik der Stadt, arme Menschen zu haben. Aber die große Mehrheit sind die armen Opfer der Wirtschaftspolitik, der Finanzpolitik. Einige neuere Statistiken fassen dies wie folgt zusammen: Es gibt viel Geld in den Händen einiger weniger und viel Armut in vielen, vielen. Und dies ist die Armut so vieler Menschen, die Opfer der strukturellen Ungerechtigkeit der Weltwirtschaft sind. Und es gibt viele arme Leute, die sich schämen zu zeigen, dass sie es nicht bis zum Ende des Monats schaffen; viele arme bürgerliche Leute, die heimlich zur Caritas gehen und heimlich fragen und sich schämen. Die Armen sind viel zahlreicher als die Reichen; sehr, sehr viel… Und was Jesus sagt, ist wahr: „Tatsächlich hast du immer die Armen bei dir“. Aber sehe ich sie? Merke ich diese Realität? Besonders von der verborgenen Realität, diejenigen, die sich schämen zu sagen, dass sie es nicht bis zum Ende des Monats schaffen².
Die Bereitschaft, am Leid derer teilzunehmen, die von dieser Pandemie betroffen sind¹³, muss unsere Reflexion über die Brüder eröffnen, die unter vielen anderen Pandemien wie dem Hunger in der Welt leiden¹⁴.
Möge diese Pandemieerfahrung daher zu einer Gelegenheit werden, unsere Optionen neu zu definieren und nicht in die sogenannte Nostalgie für das Grab zurückzufallen:
Noch heute, vor dem nächsten – wir hoffen, dass es bald sein wird – dem nächsten Ende dieser Pandemie gibt es die gleiche Option: Entweder wird unsere Wette auf das Leben, auf die Auferstehung der Völker oder auf den Gott des Geldes gerichtet sein: auf das Grab von Hunger, Sklaverei, Kriege, Waffenfabriken, Kinder ohne Bildung … da ist das Grab¹⁵.
Zweifellos ist die Pandemie eine Erfahrung sozialer Krisen, wie viele andere Krisenzeiten: Ehen, Familien, Arbeit. Wie kann man in Krisenzeiten reagieren?
In meinem Land gibt es ein Sprichwort, das besagt: “Wenn Sie zu Pferd gehen und einen Fluss überqueren müssen, wechseln Sie bitte nicht das Pferd mitten im Fluss.” […] Es ist der Moment der Treue, der Treue zu Gott, der Treue zu den Dingen [Entscheidungen], die wir zuvor getroffen haben. Es ist auch der Moment der Bekehrung, denn diese Treue wird uns inspirieren, uns zum Guten zu verändern und uns nicht vom Guten zu distanzieren¹⁶.
Was ist die Rolle des Volkes Gottes, ein häufigerer Begriff, vielleicht nicht überraschend, in diesen Predigten a

Santa Marta?

Das Christentum ist nicht nur eine Ethik, es ist nicht nur eine Elite von Menschen, die ausgewählt wurden, um vom Glauben Zeugnis zu geben.
Der Gläubige muss den Geruchssinn erfahren und die Erinnerung an die Zugehörigkeit zum Volk Gottes erfahren. Gewinnen Sie sich ein Gewissen
von Leuten:
Wenn dies fehlt, gibt es Dogmatismen, Moralismen, Ethik, elitäre Bewegungen. Die Leute werden vermisst¹⁷.
Eines der Bilder, die in diesem Zyklus der Predigten am meisten beeindruckt bleiben werden, ist das der Kirche als Fluss, in dem alle verschiedenen Strömungen das Recht haben, präsent zu sein.
Wir glauben, dass dies eine Behauptung ist, die als Reaktion auf all diejenigen gemacht wurde, die Ansprüche an die Grenzen des Schismas geltend machen oder sich über die Unmöglichkeit des Zusammenlebens verschiedener Seelen beschweren, ob traditionalistisch oder progressiv.
Hier erinnert sich Franziskus weiterhin daran, dass sich das Werk der Spaltung, der Zersplitterung zwischen den Parteien (ich bin Paulus, ich bin Apollos …) als eine echte Krankheit für die Kirche darstellt.
Die Kirche ist wie ein Fluss, weißt du? Einige sind mehr auf dieser Seite, andere auf der anderen Seite, aber das Wichtigste ist, dass sich jeder im Fluss befindet. ” Dies ist die Einheit der Kirche. Niemand draußen, jeder drinnen. Dann mit den Besonderheiten: Dies teilt sich nicht, es ist keine Ideologie, es ist legitim. Aber warum hat die Kirche diese Flussbreite? Es ist, weil der Herr es so will¹¹⁸.
Wir schließen diese Reihe von Zitaten mit der bedeutenden Predigt vom 18. März, in der Franziskus uns daran erinnert
Unser Gott ist der Gott der Nähe, er ist ein Gott, der mit seinem Volk wandelt. […] Der Mensch lehnt die Nähe Gottes ab, er möchte der Meister der Beziehungen sein, und die Nähe bringt immer eine gewisse Schwäche mit sich. […] …] Der “nahe Gott” wird schwach und je näher er kommt, desto schwächer scheint er […]
Unser Gott ist nahe und bittet uns, nahe beieinander zu sein und nicht voneinander abzuweichen. Und in diesem Moment der Krise aufgrund der Pandemie, die wir erleben, fordert uns diese Nähe auf, mehr zu zeigen, mehr zu zeigen. Wir können uns vielleicht aus Angst vor Ansteckung nicht physisch nähern, aber wir können in uns eine Haltung der Nähe zwischen uns erwecken: mit Gebet, mit Hilfe, vielen Wegen der Nähe. Und warum müssen wir nah beieinander sein? Weil unser Gott nahe ist, wollte er uns im Leben begleiten. Er ist der Gott der Nähe. Aus diesem Grund sind wir keine isolierten Menschen: Wir stehen uns nahe, denn das Erbe, das wir vom Herrn erhalten haben, ist Nähe, dh die Geste der Nähe¹⁹.
Einige Monate nach Beginn der Pandemie ist das erneute Lesen von Francis ‘Worten eine wertvolle Gelegenheit, die Ereignisse zu verstehen und alle zum Aufbau einer besseren Welt zu ermutigen.
————————————————————————————
1 Vatikanische Nachrichten, Die Nähe des Papstes: Die Messe von Santa Marta lebt jeden Tag unter https://www.vaticannews.va/it/papa/news/2020-03/coronavirus-papa-francesco-messa-santa-marta -every-day.html
2 Siehe FRANCIS, Glaube muss übermittelt werden, er muss insbesondere mit Zeugenaussage am 25. April 2020 in http://www.vatican.va/content/francesco/it/cotidie/2020/documents/papa-francesco-cotidie_20200425_testimoniare angeboten werden -lafede-conlavita.html
3 ID., Ohne Zeugnis und Gebet ist es nicht möglich, am 30. April 2020 unter http://www.vatican.va/content/francesco/it/cotidie/2020/documents/papa-francesco-cotidie_20200430_testimonianza-e- zu apostolisch zu predigen Gebet.html
4 Siehe ID., Die Konkretheit und Einfachheit der Kleinen, 29. April 2020, unter http://www.vatican.va/content/francesco/it/cotidie/2020/documents/papa-francesco-cotidie_20200429_laconcretezza-dellaverita.html
5 Siehe ID., Beharrlich im Dienst, 7. April 2020, unter http://www.vatican.va/content/francesco/it/cotidie/2020/documents/papa-francesco-cotidie_20200407_perseverare-nelservizio.html
6 Siehe ID., Die drei Dimensionen des christlichen Lebens: Wahl, Verheißung, Bund, 2. April 2020, in http://www.vatican.va/content/francesco/it/cotidie/2020/documents/papa-francesco- cotidie_20200402_letre-dimensions-of-life.html
7 ID., Vertrauen in Gottes Barmherzigkeit, 30. März 2020, in http://www.vatican.va/content/francesco/it/cotidie/2020/documents/papa-francesco-cotidie_20200330_pregare-peril-perdono.html
8 Siehe ID., Das kleine tägliche Lynchen von Geschwätz, 28. April 2020, unter http://www.vatican.va/content/francesco/it/cotidie/2020/documents/papa-francesco-cotidie_20200428_laverita-dellatestimonianza.html
9 Siehe ID., Der Mut zum Schweigen, 27. März 2020, unter http://www.vatican.va/content/francesco/it/cotidie/2020/documents/papa-francesco-cotidie_20200327_ilcoraggio-ditacere.html
10 ID., Judas, wo bist du?, 8. April 2020, in http://www.vatican.va/content/francesco/it/cotidie/2020/documents/papa-francesco-cotidie_20200408_tra-lealta-e-interesse.html
11 Siehe ID., Arbeit ist die Berufung des Menschen, 1. Mai 2020, in http://www.vatican.va/content/francesco/it/cotidie/2020/documents/papa-francesco-cotidie_20200501_illavoro-primavocazione- von man.html
12 ID., Auf der Suche nach Jesus in den Armen, 6. April 2020, in http://www.vatican.va/content/francesco/it/cotidie/2020/documents/papa-francesco-cotidie_20200406_la-poverta-nascosta.html
13 Siehe ID., Sonntag der Tränen, 29. März 2020, unter http://www.vatican.va/content/francesco/it/cotidie/2020/documents/papa-francesco-cotidie_20200329_lagrazia-dipiangere.html
14 Siehe ID., Tag der Brüderlichkeit, Tag der Buße und des Gebets, 14. Mai 2020, unter http://www.vatican.va/content/francesco/it/cotidie/2020/documents/papa-francesco-cotidie_20200514_giornodi-fratellanza – Bußgebet.html
15 ID., Wählen Sie die Ankündigung, um nicht in unsere Gräber zu fallen, 13. April 2020, unter http://www.vatican.va/content/francesco/it/cotidie/2020/documents/papa-francesco-cotidie_20200413_annunciare-cristo- vivoerisorto.html
16 ID., Lernen, in Krisenmomenten zu leben, 2. Mai 2020, in http://www.vatican.va/content/francesco/it/cotidie/2020/documents/papa-francesco-cotidie_20200502_lecrisi-occasioni-diconversione.html
17 ID., Christ zu sein bedeutet, dem Volk Gottes am 7. Mai 2020 in http://www.vatican.va/content/francesco/it/cotidie/2020/documents/papa-francesco-cotidie_20200507_consapevoli-diessere-popolodidio zu gehören. html
18 ID., Wir haben alle einen Hirten: Jesus, 4. Mai 2020, unter http://www.vatican.va/content/francesco/it/cotidie/2020/documents/papa-francesco-cotidie_20200504_cristo-unicopastore.html
19 ID., Unser Gott ist nahe und bittet uns, am 18. März 2020 in http://www.vatican.va/content/francesco/it/cotidie/2020/documents/papa nahe beieinander zu sein -francesco-cotidie_20200318_pergli-operatorisanitari.html